Napoli

Napoli

Things to do - general

Annidata in fondo ad un golfo dominato dal Vesuvio, la leggendaria città della sirena Partenope fu fondata dai Greci. Nel corso di tre millenni, Napoli ha visto susseguirsi un numero considerevole di invasori, senza mai sottomettersi totalmente.

Tra capolavori museografici e tesori tuttora nascosti, la città forma un mosaico architettonico in cui si sovrappongono frammenti di mura greche, colonne romane, palazzi barocchi e costruzioni ottocentesche.

Musa ispiratrice, Napoli forma un universo ricco di storia dove si celebra con passione ogni tipo di arte.Il Golfo di Napoli è esteso per 80 km da Pozzuoli a nord a Sorrento a sud, il golfo di Napoli si offre in tutta la sua ampiezza allo sguardo degli ammiratori. A ovest i Campi Flegrei e le loro intense attività terrestri, a sud la penisola di Sorrento, accidentata e selvaggia, orlata da falesie e attraversata da profonde gole. In mezzo, ville di epoche passate e stazioni balneari di oggi punteggiano la vasta baia, con le isole di Ischia e Capri all’orizzonte. Senza dimenticare il Vesuvio, montagna maestosa e minacciosa, onnipresente.

Luoghi da non perdere : 

Museo Archeologico Nazionale
Le sue collezioni, riunite in un edificio del XVI sec. ed essenzialmente costituite dalle opere d’arte appartenute ai Farnese (sculture greco-romane) e dal materiale ritrovato a Ercolano e a Pompei ( mosaici), ne fanno uno dei musei più ricchi al mondo per la conoscenza dell’Antichità greca e romana. Per l’esaustività e la bellezza delle collezioni, il museo è un complemento indispensabile alla visita dei siti di Pompei ed Ercolano.

Napoli Sotterranea
121 scalini conducono in questi sotterranei situati a 30-40 m di profondità, delle gallerie di tufo scavate dai greci nel IV sec. a.C. per la costruzione dei muri di cinta della città. Si visita prima l’ acquedotto romano, utilizzato per rifornire d’acqua la città fino al 1885 e il percorso permette di osservare poi varie cisterne costruite dai Greci, una delle quali fu trasformata in cantina per il vino e utilizzata fino al 1952 dal chiostro San Gregorio Armeno. La visita termina con il teatro romano (I – II sec.) scoperto nel 2002.

Teatro San Carlo
Primo teatro lirico d’Europa, fu eretto sotto Carlo di Borbone nel 1737. Interamente distrutto in un incendio nel 1816, venne ricostruito identico in soli sei mesi. Solo la loggia reale è originale. Con il suo ornamento fastoso di stucchi, boiseries dorate e velluti rossi, l’interno a ferro di cavallo si innalza su sei piani e comporta 184 palchi. L’acustica perfetta e l’ampiezza del palco assicurano al Teatro San Carlo un posto di primo piano nella vita musicale italiana.

Spaccanapoli
Sul luogo della Neapolis greca, il cuore della città, Spaccanapoli, è costituito da assi est-ovest che corrispondono ai decumani della città antica (via Tribunali coincide con il decumano maggiore, le vie Benedetto Croce, S. Biagio dei Librai e Vicaria Vecchia con il decumano inferiore e le vie Sapienza, Pisanelli, Anticaglia e Apostoli con il decumano superiore). Il centro storico, con le sue viuzze strette e pittoresche, le chiese e i palazzi, è un libro aperto sulla storia napoletana, dall’epoca greco-romana al Settecento.

Palazzo e Galleria Nazionale di Capodimonte
Capodimonte venne costruita da Carlo III a partire dal 1738, per ospitare la collezione Farnese. La reggia si erge sulla cima della collina, in un piacevole parco in cui scoprirete i resti dell’antica fabbrica di porcellane, celebre nel Settecento. Gli appartamenti reali meritano di essere visitati, così come la superba pinacoteca. La collezione dei Farnese, ereditata dai Borboni e arricchita nel corso del tempo, rappresenta il nucleo della pinacoteca di Capodimonte. La disposizione delle opere, essenzialmente cronologica, consente di ripercorrere alcune delle grandi tappe della storia della pittura italiana, confrontata con alcuni esempi stranieri di rilievo. Tra i capolavori citiamo Paolo III con i nipoti del Tiziano, la Crocefissione di Masaccio, la Trasfigurazione di Bellini, la Parabola dei ciechi di Pieter Bruegel e la Flagellazione del Caravaggio.

Catacombe di San Gennaro
Interamente scavato nel tufo, questo vasto complesso di gallerie, sviluppato su due livelli, forma un “battistero” e una spaziosa basilica a tre navate (IV-VI secolo ). La tomba di San Gennaro, le cui spoglie furono trasportate qui nel VI secolo, è ornata da affreschi che raffigurano il santo. Ammirate i bellissimi dipinti che ornano nicchie funerarie (III-X sec.) e in particolare, la volta del vestibolo.

Castel Nuovo
Imponente e circondato da profondi fossati, il Castel Nuovo fu costruito nel 1278 dagli architetti di Carlo I d’Angiò, Pierre de Chaulnes e Pierre d’Agincourt, sul modello del castello di Angers. Un notevole Arco di Trionfo (1467) abbellisce l’ingresso, lato città. In fondo al cortile interno, uno scalone porta alla sala dei Baroni (XV sec.), dalla bella volta ornata da una rete di ogive a stella. Dalla terrazza panoramica si gode una bella vista sulla città.

Piazza del Plebiscito
La piazza è stata sistemata durante il regno di Murat, nel 1810. A emiciclo, è chiusa da un lato dal Palazzo Reale e dall’altro dalla facciata neoclassica della Basilica di San Francesco di Paola, costruita in occasione dell’incoronazione di Ferdinando di Borbone (1817), ispirandosi molto largamente al Pantheon di Roma.

Palazzo Reale
Il palazzo fu costruito nel 1600 da Domenico Fontana in vista di una visita ufficiale di Filippo III… che non avvenne mai! Il palazzo fu allora occupato dai viceré e il primo re ad occuparne gli appartamenti fu Carlo III, solo nel 1734. Sull’austera facciata, otto nicchie accolgono le statue dei più importanti sovrani di Napoli. Un immenso scalone vi condurrà agli Appartamenti e alla Cappella Reale, sontuosamente decorati e ammobiliati.

Chiesa di San Domenico Maggiore
Questa basilica fu edificata nel 1238 ma molto abbondantemente modificata nel 1506. L’interno è stato rinnovato in stile neogotico fra il 1850 e il 1853. Il Cappellone del Crocifisso ospita un crocifisso miracoloso. Vi si trovano anche 45 tombe aragonesi e affreschi del XIV secolo attribuiti a Pietro Cavallini, allievo di Giotto. L’abside della chiesa si affaccia su una piazza ornata da un obelisco barocco dedicato a San Domenico.

Chiesa di Santa Chiara
L’edificio fu costruito su richiesta di Sancia di Maiorca, pia sposa del re Roberto il Saggio. È una chiesa di clarisse, in stile gotico provenzale. Nel Settecento, il chiostro che fiancheggia la chiesa fu trasformato in un giardino piantato ad aranci, nespoli e cipressi, disseminato di viali piastrellati in maiolica: un piccolo miracolo di armonia e di calma!

Chiesa di San Lorenzo Maggiore
La chiesa fu costruita nel Duecento su di un edificio paleocristiano di cui sussistono i muri esterni. Decorata più tardi in stile barocco, ha ritrovato oggi il suo aspetto originale. Presenta qualche bell’elemento di stile gotico.

Duomo
Il Duomo, costruito nel Trecento, è stato in seguito più volte rimaneggiato. Conserva le reliquie di San Gennaro, oggetto di un incredibile fervore popolare. La liquefazione del sangue del santo, che si verifica ogni anno in maggio e in settembre, catalizza l’attenzione dell’intera città! L’interno presenta alcuni bei mosaici e affreschi.

Galleria Umberto I
Di fronte al Teatro San Carlo, si trova una galleria ottocentesca protetta da un soffitto a vetri che culmina in una cupola centrale. Caffè, negozi di moda e gioiellerie animano questo luogo elegante.

Porta Capuana
La porta fortificata di Capua fu costruita nel 1484 su disegno di Giuliano da Maiano. È fiancheggiata da due torri massicce che contrastano con l’elegante decorazione rinascimentale dell’arco in marmo bianco. Il Castel Capuano, vicinissimo, era l’antica residenza dei principi normanni.

Certosa di San Martino
Oltre alle sale dedicate alle arti decorative, al teatro, alla pittura napoletana dell’Ottocento e alle rappresentazioni della città, non perdetevi la sezione dei presepi che espone una straordinaria collezione di figurine napoletane in terracotta policroma, del Settecento e dell’Ottocento. Ricchissima collezione di oggetti per la decorazione del tradizionale presepe napoletano. La visita termina con il grande presepe Cucciniello della fine del XIX sec. (alcune statuine risalgono al XVIII sec.).
Una bella vista sul mare, una chiesa dalla fastosa decorazione barocca, un armonioso chiostro e un museo dedicato, fra l’altro, al presepe napoletano: ecco cosa vi attende alla Certosa di San Martino, situata sulla collina del Vomero. Fondata dagli Angiò nel Trecento, la Certosa fu quasi totalmente rimaneggiata nel Cinquecento e nel Seicento.

Cappella di San Severo
La deliziosa cappelletta Sansevero, cappella funebre dei principi de Sangro, fu edificata nel XVI secolo ma nel XVIII sec. il suo interno fu interamente rimaneggiato in esuberante stile barocco. Malgrado la loro bellezza, gli affreschi e le pitture che ornano le pareti vengono oscurati dalle sorprendenti sculture, in particolare,il Pudore, la Disperazione e il magnifico Cristo velato di Giuseppe Sammartino.

San Gregorio Armeno
La chiesa fu fondata nel VIII secolo per ospitare le reliquie di San Gregorio, da un gruppo di religiose che fuggivano la persecuzione bizantina. L’interno è in sfarzoso stile barocco. Segnaliamo gli affreschi di Luca Giordano che ornano l’unica navata e la cupola. Il soffitto ligneo e dorato a medaglioni è del XVI secolo. Nel chiostro, potrete ammirare una fontana settecentesca rappresentante il Cristo e la samaritana.

CountryNapoli
AreaItaly
Languages spokenItalian
CurrencyEuro

Romeo Hotel Napoli

Via Cristoforo Colombo, 45, 80133
Il Romeo hotel Napoli è il nuovo boutique hotel di lusso More info
Book now

Santa Lucia Hotel Napoli

Via Partenope, 46, 80121
Santa Lucia Hotel Napoli, ricercatezza, stile ineffabile e More info
Book now

Grand Hotel Parkers Napoli

Corso Vittorio Emanuele, 135, 80122 (Napoli)
Il Grand Hotel Parkers Napoli è situato nella via More info
Book now

Vespa Tour Napoli 2 ore

Napoli
Vespa Tour Napoli 2 ore se avete poco tempo a disposizione More info
Book now

Vespa Tour Panoramico Napoli

Napoli
Vespa Tour Panoramico Napoli “Vedi Napoli e poi muori”. More info
Book now

Vespa Tour dei Campi Flegrei

Napoli
Vespa Tour dei Campi Flegrei “Una terra col solo More info
Book now

Sicilia, Puglia e Campania

Napoli
GIORNO  1 – ARRIVO A PALERMO Arrivo all’aeroporto di More info
Book now

VIP BUS TOUR DEL SUD ITALIA

Napoli
VIP BUS TOUR DEL SUD ITALIA, autobus di lusso con More info
Book now

Visita guidata alla scoperta dei Presepi Napoletani

Napoli
Se vi piacciono le natività e volete realmente conoscere More info
Book now

Pizza gourmet tour a Napoli

Napoli
Partiremo dal porto per un tour panoramico della città di More info
Book now

Visita guidata del Vesuvio e degli scavi di Pompei

Napoli
Arrivati al porto di Napoli, il nostro bus ci condurrà a More info
Book now

Vulcano Vesuvio, un esplosione di vita

Napoli
Arrivati al porto di Napoli, il nostro bus ci condurrà a More info
Book now

Vulcano Solfatara e le bellezze della lussuosa Posillipo

Napoli
Con un breve tragitto in bus raggiungeremo la piazza del More info
Book now

Napoli sotterranea e San Gregorio Armeno

Napoli
Napoli sotterranea e San Gregorio Armeno sono il cuore More info
Book now

Visita guidata della bella Napoli

Napoli
Partenza dal porto per un tour che vi mostrerà i luoghi di More info
Book now

Napoli, pizza, sfogliatella e caffe

Napoli
In compagnia della nostra guida faremo More info
Book now

Napoli a piedi e pizza fest

Napoli
Il tour di Napoli a Piedi inizierà dal porto a piedi con More info
Book now

Semplicemente Napoli

Napoli
Il tour Semplicemente Napoli vi mostrerà la bellezza di More info
Book now